PMI innovativa

PMI innovativa

IL DL 3/2015 ha introdotto la PMI innovativa. Ma cos’è? A quale scopo?

PMI innovativa: che cos’è?

La PMI innovativa nasce al fine di rafforzare la competitività del mercato italiano e di favorire maggiore innovazione in tutti i settori economici.

Inoltre, la PMI innovativa gode di molti dei vantaggi ed agevolazioni destinati alle StartUp e alle StartUp innovative .

La PMI innovativa è una società di capitali. Può essere costituita anche come cooperativa e deve essere residente in Italia. Nel caso di una PMI innovativa residente in un Paese Membro dell’Unione Europea, verrà riconosciuta in Italia solo se ha una sede produttiva o una filiale nel nostro paese.

Per essere considerata innovativa, una PMI deve soddisfare alcuni parametri legati all’innovazione tecnologica.

Perché è importante?

Una PMI innovativa è importante per:

  • favorire la crescita sostenibile
  • incrementare lo sviluppo tecnologico
  • aumentare l’occupazione
  • rafforzare le dimensioni delle nuove imprese innovative
  • creare condizioni più favorevoli all’innovazione
  • promuovere il trasferimento tecnologico
  • valorizzare la Ricerca e Sviluppo
  • spostare in Italia capitali esteri

Quali sono i vantaggi

Le PMI innovative godono di molti dei vantaggi che sono riservati alle StartUp innovative. Alcuni dei vantaggi sono:

  • godere di regole flessibili per la gestione della società
  • ricorrere a incentivi di varia natura
  • possibilità di partecipare all’Equity Crowdfunding
  • facilitazioni nell’accesso al credito bancario

I requisiti

Diversi sono i requisiti che una PMI deve avere per essere considerata innovativa e rientrare tra le aziende che si possono iscrivere nella sezione speciale del Registro delle Imprese.

Per diventare innovativa, la PMI dovrà presentare l’apposita domanda, allegando una dichiarazione in cui si scrive di essere in possesso di determinati requisiti, quali:

  • svolge attività di Riverca e Sviluppo e spende in tali attività
  • ha relazioni professionali, di collaborazione o commerciali con incubatori certificati, investitori professionali, centri di ricerca
  • ha diritti su una proprietà industriale
  • non è quotata
  • ha già depositato un bilancio al Registro delle Imprese
  • ha un fatturato annuo inferiore ai 50 milioni di euro
  • l’impresa non ha più di 250 dipendenti

E deve avere almeno uno di questi tre requisiti:

  • deve spendere in misura uguale o superiore al 3% della maggiore entità tra costi e valore totale della PMI innovativa
  • deve avere almeno un quinto della forza lavoro che abbia il dottorato di ricerca o che lo stia conseguendo
  • deve essere titolare, licenziataria o depositaria di almeno un brevetto

Di Mary Roma

Mary Roma Laureata presso l'università Luigi Vanvitelli di Napoli in ingegneria gestionale. Appassionata di Web e di ICT segue con interesse il mondo delle nuove tecnolgie applicate all'industria ed all'impresa.